Museo dei Bozzetti "Pierluigi Gherardi" - Città di Pietrasanta

(icona_artisti)

  • LE HOUELLEUR Monique

 artisti

LE HOUELLEUR Monique


Nato a Hué, VNM nel s.d.
Nazionalita: VNM, CIV
website: http://www.kaidin.net

 
Vietnamita da parte di madre e francese da parte di padre, vive in Ciad, Repubblica Centroafricana, e Congo, prima di stabilirsi in Costa d'Avorio, dove ne ottiene la cittadinanza. Autodidatta, nel 1977 realizza la sua prima scultura monumentale in acciaio a Abidjan per il Ministero delle Finanze e nel 1985 è la volta di "L'Offrande" (h. 7 m.) in marmo per la Cattedrale di St. Paul a Abidjan. Continua ad esplorare i paesi africani - Ténéré, Niger, Mali, Burkina Faso - promuovendone la cultura. Nel 1988 con Gérard Fromanger organizza la mostra "La Côte d'Ivoire au quotidien" presso il Centro Georges Pompidou di Parigi.
Presenta la prima personale nel 1985 presso la Galleria Alexandre de la Salle di St Paul de Vence, Francia, a cui poi fanno seguito: Galerie Loft, Parigi (1998); Musée des Beaux Arts, Angoulême, Francia (1990); Galerie Henri Van Melle, Parigi (1990; '91); Centre Culturel Français, Abidjan, Costa d'Avorio (1993; 2001); Galerie Samy Kinge, Parigi (1994; '01; '04); Istituto Franco-Giapponese, Tokyo (1994); Office Culturel Vincent Placoly, Martinica (1995); Citizen Gallery, Tokyo (1995); Galerie Yellow Graphic, Parigi (1997); Musée Henri Martin, Cahors (1998); Galerie Io, Rennes (1998); Galerie Grillon, Tokyo (1999); "Dak'art Off" e "Dak'art", Dakar (2002); Centre Culturel Français, Dakar (2002); Contemporary Art Gallery, New York (2003); Galerie Park'Art, Marsiglia (2003); Jardin du Luxembourg, Parigi (2006); Xiaocheng, Cina (2007); "Art Nomade", Jozenji Street, Sendaï, Giappone (2008) e Istituto Franco-Giapponese, Tokyo (2009).
Tra le sue collettive più significative si ricordano: "Omaggio a Isamu Noguchi", Italia (1998); "Biennale di Dakar", Senegal (1992); FIAC, Parigi (1992; '97); Sainte Lucie-Trinidad, Martinica (1992); Musée de la Civilisation, Québec (1994; 2000 e "Femmes Bâtisseurs d'Afrique", selezionata con opera acquistata dal museo, 2005); Musée d'Abidjan, Costa d'Avorio (1995); "Fiera Internazionale di Madrid" (1994); "Fiera Internazionale di Düsseldorf" (1994; '98); Spazio Havas, Parigi (1994); "Africa-USA", Atlanta (1997); "Les Objecteurs-Arts Markers", Galerie du Théâtre, Cherbourg e Musée des Beaux Arts, Dole, Francia (2000); "Rur'Art", Centre d'Art Contemporain, Poitiers (2000); Musée de la Civilisation, Québec (2000); "Art Paris", Parigi (2001); "Le Cinquantenaire", Salon de Montrouge, Parigi (2005); "A la rencontre de l'avenir de la terre", esposizione universale, Aïchi, Giappone (2005); "Fiad - Les Afriques 2", Musée des Arts Derniers, Parigi (2005); Lycée Horticole de Grenoble (2007); MJC-Grenoble (2007); Musée des Arts Premiers, Parigi (2007); "I Festival d'Arte Popolare", Xiaocheng, Cina (2007); "L'Art en Ville", Cusset, Francia (2008).
Vince il "I Premio" (per "Symbol of Life", h.15 m.) Padiglione dell'Africa, Esposizione Universale di Hannover (2006).
A partire dal 1980 si accosta al marmo realizzando opere presso il Laboratorio Giorgio Angeli, dove conosce Isamu Noguchi.


 

bozzetti

 

opere

 

laboratori

 

eventi

 

pubblicazioni