Museo dei Bozzetti "Pierluigi Gherardi" - Città di Pietrasanta

 ... > il Museo > Presentazione ::   presentazione

Il Museo

   

Il Museo dei Bozzetti “Pierluigi Gherardi” nasce nel 1984 a Pietrasanta, a seguito di iniziative promosse da Jette Muhlendorph, con l’intento di documentare l’attività artistica degli scultori che qui si recano da tutto il mondo per realizzare le proprie opere nei laboratori artigiani locali. E’ un'istituzione unica nel suo genere ed è il riflesso diretto dell’attività che maggiormente caratterizza il comprensorio apuo-versiliese ed in particolare Pietrasanta: la scultura.

Una tradizione di secoli lega infatti la città alla lavorazione artistica del marmo: attività di maestri pietrasantesi è attestata in diversi centri toscani fin dal XIV secolo, oltre ad essere testimoniata dalle opere presenti nelle chiese cittadine; è a Pietrasanta che nel Cinquecento Michelangelo venne a firmare contratti per i marmi da lui fatti cavare sulle vicine Alpi Apuane.

All'attività dei laboratori del marmo si sono poi aggiunte quella delle fonderie artistiche del bronzo e delle botteghe dei mosaicisti, dei formatori, degli ingranditori in creta. Nelle epoche più recenti questo vivere in simbiosi con l'arte è continuato e sempre più si sviluppa grazie alla particolare abilità e maestria degli artigiani locali, odierni continuatori dell'antica tradizione, che attrae scultori di ogni parte del mondo, tra cui i maggiori esponenti dell'arte contemporanea, che confluiscono qui per realizzare le proprie opere.

Ospitato nel cinquecentesco ex-convento di S. Agostino, il Museo si propone di raccontare il processo di creazione e realizzazione di un’opera in marmo e in bronzo, valorizzare generazioni di artisti e documentare le indelebili tracce che essi hanno lasciato.

La Collezione

 

I bozzetti (in scala ridotta) e i modelli (in dimensioni reali) rappresentano l’idea iniziale dello scultore prima della traduzione in opera compiuta. Le loro dimensioni variano da pochi cm. a qualche metro e sono realizzati in vari materiali, soprattutto gesso. Essi raccontano storie sempre uniche di come nasce una scultura e comunicano sia la parte creativa, l’idea, il sogno, il progetto di ciò che sarà, sia la parte tecnica, la traduzione in opera, con tutte le sue variabili ed i suoi protagonisti a cui mai si pensa.

La collezione museale raccoglie oggi oltre 700 bozzetti e modelli, prevalentemente in gesso, di sculture di più di 350 artisti italiani e stranieri. Le opere realizzate sulla base di questi bozzetti si trovano in musei, collezioni e parchi di tutto il mondo, per cui visitando l'esposizione si può avere un ampio panorama delle varie tendenze artistiche che hanno attraversato il Novecento ed avere così una visione ampia e complessiva della scultura contemporanea. Sono rappresentati, tra gli altri, maestri come Henri Georges Adam, André Bloc, Helaine Blumenfeld, Fernando Botero, Antonio Bozzano, Davide Calandra, Arturo Carmassi, Pietro Cascella, César, Pietro Consagra, Niki De Saint Phalle, Novello Finotti, Jean Michel Folon, Gonzalo Fonseca, Rosalda Gilardi, Emile Gilioli, Gigi Guadagnucci, Jean Robert Ipousteguy, Igor Mitoraj, Costantino Nivola, Isamu Noguchi, Maria Papa, Alicia Penalba, Beverly Pepper, Gio’ Pomodoro, Edoardo Rubino, Carlo Sergio Signori, Ivan Theimer, Giuliano Vangi, Leone Tommasi, Kan Yasuda.

Il museo è dotato di un ricco archivio documentario sugli artisti e sui laboratori, sia cartaceo che informatizzato, che si integra con i numerosi volumi di arte consultabili presso l'adiacente Biblioteca Comunale.

Nella sede distaccata Museo dei Bozzetti 2 si aggiungono, all'esposizione dei bozzetti, varie sezioni tematiche che esplicitano i molteplici significati del bozzetto.

 

Ulteriori sezioni tematiche di bozzetti sono dislocate in edifici pubblici della città nell’ambito del progetto “Museo diffuso”.

Altri spazi del Museo a Palazzo Panichi, affacciato sulla Piazza Duomo, arricchiscono il percorso espositivo mettendo “in vetrina”, a rotazione, selezioni tematiche di bozzetti che seguono il fil rouge degli eventi espositivi che animano il calendario elaborato dal comitato S.T.Art – Grandi Eventi di Pietrasanta. Un’opportunità per valorizzare i bozzetti e un’occasione in più per tutti, adulti e bambini, per soffermarsi a godere della creatività degli artisti, scoprire il mondo “magico” della scultura, riflettere sui messaggi trasmessi dalle opere.

 

Pubblicazioni

Cataloghi:

  • Catalogo completo informatizzato su qesto sito alla voce La Collezione;
  • Catalogo a stampa- Museo dei Bozzetti. Pietrasanta/Le Botteghe artigiane in Versilia/Catalogo dei bozzetti di repertorio del Museo, Ospedaletto, Pacini, 2012;
  • Catalogo a stampa - Museo dei Bozzetti. Pietrasanta/Catalogo generale, Ospedaletto, Pacini, 2011;
  • Catalogo a stampa - Museo dei Bozzetti/Pietrasanta/Catalogo generale, Collana “Toscana Musei”, Pietrasanta, Comune, 1994;
  • Catalogo a stampa -Museum der skulpturenmodelle wanderausstellung,Viareggio, Pezzini, 1992;
  • Catalogo a stampa -Museo dei Bozzetti, Pietrasanta, Comune, 1986.

Altra documentazione:

  • presso il Museo si trova un archivio documentario, DOCUMENTART, che raccoglie opuscoli, pieghevoli, articoli, foto etc. che documentano l'attività artistica degli scultori presenti nel museo e dei laboratori artigiani collegati agli artisti.

Materiali audiovisivi